Federparchi
Federazione Italiana Parchi e Riserve Naturali


Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette



European Charter for Sustainable Tourism
in Protected Areas


Seminario di formazione sulla fase II della CETS
Roma, 24-25 febbraio 2014

-
Programma (PDF, 954Kb)

- Relazioni:

- "La metodologia della CETS fase II in Italia", di S. Petrosillo (PDF, 1,6Mb)

- "El modelo de desarrollo del Turismo Sostenible en el Parque Natural de la Zona Volcánica de la Garrotxa", di J. M. Prats (PDF, 2,5Mb)

- "Le iniziative di Federparchi per un marchio di sistema dei parchi italiani", di P. Pigliacelli (PDF, 2,5Mb)

- "MEET Project: a short presentation", di L. Santarossa (PDF, 537Kb)

- "Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori", di F. Coccia (PDF, 664Kb)


Ottava Riunione della Rete Europea della Carta e Cerimonia delle Certificazioni 2013.
Parlamento Europeo - Bruxelles 6 novembre 2013


- Il Programma (PDF, 135Kb)

- Relazioni:


- "The EU tourism policy and actions to enhance sustainable tourism", di I. Lelonek Husting (PDF, 774Kb)

- "A multilevel strategy for tourism development at regional level. The case of the Marche Region", di A. Fermanelli (PDF, 4,9Mb)

-
"Turebe - Ecotourism in Spain Club. Local Businesses and Protected Areas: Succesfull Partnerships", di A. Guzmán Villar (PDF, 1,7Mb)

-
"Tourism and Biodiversity in Marittime - Mercantour: why it's going to work out!", di F. Favier (PDF, 4Mb)

-
Award Ceremony 2013. New evaluations. (PDF, 10,8Mb)

-
Award Ceremony 2013. Re-evaluations. (PDF, 1,8Mb)


Seminario sui processi partecipativi per la Carta europea del turismo sostenibile (Cets)
Roma il 13 e 14 maggio 2013, al Centro-Congressi Cavour

- Raccomandazioni finali Partecipazione processi CETS

- Report dei Gruppi di Lavoro (PDF, 246Kb)

- Il programma (PDF, 209Kb)

Relazioni:

- "L'attività di monitoraggio del Piano d'Azione", di L. Dalla Libera (PDF, 659Kb)
- "Sostenere la partecipazione del Forum", di L. Dalla Libera (PDF, 610Kb)
- "Tecniche di facilitazione applicate ai processi di adesione a Carta Europea per il Turismo Sostenibile", di G. Dodaro (PDF, 590Kb)
- "La II fase della CETS", di S. Petrosillo (PDF, 971Kb)
- "La CETS nelle Aree Protette in Italia e in Europa", di S. Petrosillo (PDF, 848Kb)
- "La CETS e la nuova programmazione 2014-2020", di P. Pigliacelli (PDF, 2Mb)
- "La CETS nelle aree protette e l'autofinanziamento dei parchi nell'esperienza del Parco Alpi Marittime", di P. Rossi (PDF, 8,2Mb)


Seminario Federparchi "La Carta Europea del Turismo Sostenibile nelle Aree Protette – CETS - per la valorizzazione dei beni e delle risorse dei parchi"
Parco Regionale della Maremma, Granaio Lorenese-Località Spergolaia – Alberese (GR),
29 maggio 2012


- Presentazione 29 maggio (PDF, 348Kb)
- Presentazione "Natural Parks in Italy: marketing strategies and governance", di Sonia Ferrari e Carlo Alberto Pratesi (PDF, 1,4Mb)
- Gruppi di lavoro (PDF, 356Kb)
- Programma definitivo (PDF, 356Kb)
- Sintesi dei risultati (PDF, 365Kb)

Video "Operatori turistici dei Parchi"


Convegno "La Carta europea del Turismo sostenibile nelle aree protette: i parchi come luoghi di sperimentazione per coniugare tutela e sviluppo del territorio"
Parco Naturale Regionale Portoselvaggio e Palude del Capitano, Nardò (Lecce),
3 febbraio 2011


VII Meeting europeo della Carta Europea del Turismo Sostenibile nelle Aree Protette
Final Programme (PDF, 1,2Mb)
Parco nazionale Djerdap, Serbia
28 giugno / 1 luglio 2011




VI Meeting europeo della Carta Europea del Turismo Sostenibile nelle Aree Protette
Documento conclusivo (EN - ES)
Capileira, Granada, España - 2/5 Giugno 2009



1° Workshop nazionale sulla
Carta Europea del turismo sostenibile
"Esperienze a confronto e nuove opportunità"

Caderzone, 14-15 maggio 2009

Cos'è la Carta

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette (CETS) è uno strumento metodologico ed una certificazione che permette una migliore gestione delle aree protette per lo sviluppo del turismo sostenibile.

L'elemento centrale della Carta è la collaborazione tra tutte le parti interessate a sviluppare una strategia comune ed un piano d'azione per lo sviluppo turistico, sulla base di un'analisi approfondita della situazione locale. L'obiettivo è la tutela del patrimonio naturale e culturale e il continuo miglioramento della gestione del turismo nell'area protetta a favore dell'ambiente, della popolazione locale, delle imprese e dei visitatori.

La CETS prende spunto dalle raccomandazioni stilate nello studio di EUROPARC del 1993 dal titolo "Loving Them to Death? Sustainable Tourism in Europe's Nature and National Parks", e rispecchia le priorità mondiali ed europee espresse dalle raccomandazioni dell'Agenda 21, adottate durante il Summit della Terra a Rio nel 1992 e dal 6° programma comunitario di azioni per lo sviluppo sostenibile. La Carta è una delle priorità per i parchi europei definite nel programma d'azione dell'UICN Parks for Life (1994).

Inoltre, l'importanza crescente di uno sviluppo turistico sostenibile, come tema d'interesse internazionale, è stata sottolineata dalle "Linee guida per il Turismo Sostenibile Internazionale" della Convenzione sulla Diversità Biologica. La Carta affronta direttamente i principi di queste linee guida e fornisce uno strumento pratico per la loro implementazione nelle aree protette a livello locale.

La CETS è coordinata da EUROPARC Federation, che, col supporto delle sezioni nazionali della federazione (come Federparchi-Europarc Italia), gestisce la procedura di conferimento della Carta alle aree protette e coordina la rete delle aree certificate.






Obiettivi fondanti della Carta

  • Migliorare la conoscenza ed il sostegno alle Aree Protette d'Europa, soggetti fondamentali del nostro patrimonio, che devono poter essere preservati e tutelati per le presenti e future generazioni.

  • Migliorare lo sviluppo sostenibile e la gestione di un turismo nelle aree protette che tenga conto delle necessità dell’ambiente, delle comunità locali, delle attività imprenditoriali locali e dei visitatori.

I Principi della Carta

La CETS è basata su 10 principi, che tutti i partecipanti al processo della Carta sottoscrivono e che ispirano tutte le azioni della Carta.

  1. Lavorare in Partnership: coinvolgere tutti coloro che sono implicati nel settore turistico dell'area protetta, per il suo sviluppo e la sua gestione
  2. Elaborare una Strategia: predisporre e rendere effettiva una strategia per il turismo sostenibile ed un piano d'azione per l'area protetta con la responsabilità di tutti gli attori coinvolti
  3. Tutelare e migliorare il patrimonio naturale e culturale: proteggere le risorse da un turismo sconsiderato e ad alto impatto
  4. Qualità: garantire ai visitatori un elevato livello di qualità in tutte le fasi della loro visita
  5. Comunicazione: comunicare efficacemente ai visitatori le caratteristiche proprie ed uniche dell'area
  6. Prodotti turistici specifici locali: incoraggiare un turismo legato a specifici prodotti che aiutino a conoscere e scoprire il territorio locale
  7. Migliorare la conoscenza, formazione: potenziare la conoscenza dell'area protetta e dei temi della sostenibilità tra tutti gli attori coinvolti nel settore turistico
  8. Qualità della vita dei residenti: assicurare che il sostegno al turismo non comporti costi per la qualità della vita delle comunità locali residenti
  9. Benefici per l'economia: accrescere i benefici provenienti dal turismo per l'economia locale
  10. Monitoraggio dei flussi, riduzione degli impatti: monitorare i flussi di visitatori indirizzandoli verso una riduzione degli impatti negativi

La procedura per l'ottenimento della Carta

La CETS è suddivisa in tre fasi: I. Turismo sostenibile per l'area protetta; II. Turismo sostenibile per imprese turistiche locali; III. Turismo sostenibile per i tour operator.

Per ottenere la Carta (FASE I), l'area protetta, deve:

  • Presentare la candidatura ad Europarc Federation

  • Intraprendere un processo di formazione sulla CETS al personale dell'area protetta coinvolto, creare e gestire dei Forum e dei Tavoli di lavoro con i diversi attori dell'area coinvolti a vario titolo nel settore turistico (dalle imprese agli amministratori locali alle associazioni di categoria), e realizzare un'analisi partecipativa e una diagnosi del mercato turistico dell'area protetta, delle strategie già in atto, delle opportunità e dell'impatto dal punto di vista ambientale, economico e sociale.

  • Elaborare un documento finale di Strategia e del Piano d'Azione

  • Ottenere la valutazione positiva da Europarc Federation sul Piano d'Azione e quindi il Diploma della Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette.

Una volta ottenuto il riconoscimento, l'area protetta deve mettere in pratica il Piano d'Azione.

La Carta ha validità cinque anni, rinnovabile.

Le aree protette che hanno ottenuto la Carta possono, a loro volta, decidere di implementare la FASE II e III della Carta, andando al di là del semplice coinvolgimento delle imprese turistiche, ma permettendo loro di ricevere riconoscimenti individuali come firmatari della Carta.


Il ruolo di Federparchi

Federparchi-Europarc Italia, in qualità di sezione nazionale di Europarc Federation e in considerazione dell'alta valenza turistica dei parchi italiani, è significativamente impegnata nella diffusione della CETS ed ha avviato la costruzione di una rete tra tutti i soggetti che la applicano o intendono applicarla, stipulando anche a questo fine vari accordi tesi a promuovere occasioni di approfondimento e confronto tecnico scientifico sui temi dello sviluppo economico e della sostenibilità turistica.
Accordi specifici sono stati realizzati o sono in corso di definizione con alcune Regioni italiane per la diffusione e l'applicazione della CETS nelle aree protette regionali.

Federparchi-Europarc Italia, inoltre, offre un servizio di consulenza, accompagnamento e supporto alle aree protette per il processo di candidatura per la CETS. L'area protetta può così avvalersi della rete nazionale e internazionale di Federparchi-Europarc Italia, che garantisce la condivisione di buone pratiche già messe in atto in altre aree protette italiane ed europee, essere seguita nel processo in modo continuativo e sul lungo periodo, anche al di là dell'ottenimento della Carta, usufruire di condizioni economiche certamente concorrenziali rispetto a quelle di società esterne private e disporre di un servizio di qualità personalizzato in base alle sue specifiche esigenze.

L'impegno di Federparchi-Europarc Italia è anche quello di dare massima visibilità e valorizzazione alle aree protette certificate e alle aziende turistiche coinvolte nell'applicazione della Carta.


Il Gruppo di Lavoro per la CETS

L'impegno di Federparchi a costruire un Sistema italiano sulla CETS efficace e pro-attivo, ha spinto la federazione a promuovere un Gruppo di Lavoro italiano sulla CETS.

Il Gruppo è:
- l'occasione perché Federazione e singoli Parchi possano lavorare insieme su un progetto comune e quindi fare sistema su un'esperienza concreta come quella della CETS.
- il modo con cui Federparchi mette in comunicazione due o più diverse aree protette certificate o interessate alla Carta, promuovendone lo scambio di esperienze e di personale.
- l'opportunità di elaborare una posizione "italiana" da portare in sede di Europarc Federation.
- la possibilità di approfondire le questioni del turismo sostenibile ed etico e dialogare anche con altre agenzie internazionali che operano in materia.

Il Gruppo opera in base agli orientamenti strategici generali che riceve dagli organi politico-istituzionali di Federparchi e dei parchi aderenti alla Carta.

E' coordinato dal Responsabile CETS di Federparchi ed è costituito da due tavoli:

- Il primo è il tavolo tecnico, formato dai Direttori e dai Responsabili del sistema di Gestione CETS delle aree protette italiane che hanno ottenuto la CETS o che ne hanno inoltrato la candidatura. Detto tavolo è finalizzato al coordinamento tecnico e al supporto reciproco tra i parchi certificati e i nuovi parchi interessati alla CETS, al monitoraggio e alla valorizzazione della Carta, nonché ad individuare eventuali specifici temi di approfondimento in base alle necessità di volta in volta riscontrate.
- Il secondo è il tavolo scientifico, formato dalle società di consulenza accreditate da Federparchi per le attività di accompagnamento ai parchi e alle aree protette che hanno ottenuto la CETS, e da singoli esperti specificamente designati da Federparchi. Ha il compito di proporre una modalità standardizzata e, quanto più possibile, uniforme per l'ottenimento della CETS.

Il Gruppo di Lavoro CETS è anche l'interfaccia tecnica italiana al Working Group di Europarc Federation sul Turismo Sostenibile, con lo scopo di favorire il dialogo e lo scambio tra l'esperienza italiana e quella europea.


I Parchi Italiani che hanno ottenuto la Carta:

I Parchi Italiani che hanno attivato il processo per l'ottenimento della Carta:

Lista dei Parchi Europei che hanno ottenuto la Carta:

Documentazione

FASE I. Turismo sostenibile per l'area protetta

Documenti per la prima adesione:

  1. il testo integrale della Carta (PDF, 905Kb)
  2. i principi della Carta (PDF, 44Kb)
  3. il manuale "In viaggio con noi" (Guida per le aree protette) (PDF, 721Kb)
  4. Registration Form - Formulario per la registrazione (DOC in inglese)
  5. costi e condizioni (PDF in inglese, 76Kb)
  6. Application Report - Rapporto per la richiesta di valutazione (Richiesta di adesione)

Documenti per il rinnovo dopo cinque anni:

  1. il testo integrale della Carta (PDF, 905Kb)
  2. il manuale per il rinnovo "The journey continues" (Il viaggio continua) (PDF in inglese, 2,8Mb)
  3. costi e condizioni (PDF in inglese, 76Kb)
  4. il formulario di richiesta di rinnovo (PDF in inglese, 392Kb)


FASE II. Turismo sostenibile per imprese turistiche locali

DOCUMENTI IN AGGIORNAMENTO (disponibili prossimamente)