xxx








xxx

La giunta di Federparchi risponde di nuovo ad Aigae

"Con Spinetti è necessario un incontro di chiarimento. Lo faremo"

8 Giugno 2017

La giunta escutiva di Federparchi risponde, di nuovo, a Stefano Spinetti, presidente nazionale dell'associazione italiana guide ambientali escursionistiche.

"Commentiamo il nuovo intervento di Spinetti partendo da un aspetto positivo, la proposta di incontrarsi tra gruppi dirigenti di Federparchi e AIGAE, senz'altro utile e che accogliamo con favore. Prendiamo atto anche che per incontrarsi è necessaria una lettera formale. Nessun problema, basta saperlo.

Per quanto riguarda la modifica della 394 rileviamo che, purtroppo, sono  sei anni che se ne sta discutendo in parlamento. In detto periodo le commissioni parlamentari competenti hanno effettuato forse un centinaio di audizioni, sentendo, a quanto ci risulta, tutti i soggetti che lo hanno richiesto. In questo periodo ci sono state decine di incontri, dibattiti, convegni, articoli sui giornali, trasmissioni televisive. Ed ora che siamo alle votazioni in aula alla camera, dopo che il senato ha già approvato il testo, AIGAE chiede l'incontro ai presidenti della commissioni ambiente di Camera e Senato? Ma prima non ci ha parlato? Non ha chiesto di essere audita? Noi nel corso dell'audizione alla camera dei deputati dell'11-1-2017 alla quale avevamo chiesto di essere stati invitati abbiamo presentato un nostro documento, approvato dal consiglio, in cui proponevamo 20 modifiche al testo approvato al senato più 5 specifiche per le aree marine protette. Come noi, hanno fatto decine di altre associazioni, enti e soggetti pubblici. Da quello che capiamo AIGAE non ha chiesto di essere audita, ma ha inviato addirittura una proposta specifica di emendamento che riguardava le guide. Dobbiamo però correggere quanto dice Spinetti, la commissione non ha approvato nessun emendamento che riguarda le guide. Ne sono stati presentati 4 in aula uno approvato e 3 no. Quindi quando Spinetti dice "....avevamo presentato il nostro emendamento, semplice, chiaro e limpido, a tutti i parlamentari della Commissione Ambiente, ed era stato anche accolto (basta vedere il testo licenziato dai lavori della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati per trovarlo in ogni parola e virgola)..." immaginiamo che intenda uno dei 3 presentati in aula e non approvati, recepito e presentato integralmente da un parlamentare  e che, quindi, compare con "ogni parola e virgola" , ma tra quelli respinti.

Federparchi ha fatto le sue proposte. Certo, se ci fossimo incontrati forse sul tema specifico avremmo potuto trovare un accordo, ma noi ci abbiamo provato a fare questo incontro, forse nel modo sbagliato rispetto alle modalità preferite da AIGAE, ma ci abbiamo provato. AIGAE invece non c'ha nemmeno provato, ritenendo di perseguire una propria strada con la presentazione ai parlamentari di un emendamento specifico, cosa che noi apprendiamo oggi.

  A differenza di quanto afferma Spinetti, nè il presidente di Federparchi, nè alcun membro della giunta, è l'autore materiale dell'emendamento che è stato approvato sulle guide. Noi non li scriviamo gli emendamenti, quelli li scrivono i parlamentari facendosi supportare dai loro staff. È vero però che l'emendamento approvato accoglie l'orientamento di Federparchi espresso da sempre e confermato in sede di audizione e conseguentemente lo accogliamo con favore. Quindi se un "politico" ha affermato che "sulle guide ha fatto quello che ha indicato Federparchi"  vuol dire che ha ritenuto le nostre proposte convincenti, il parlamentare che ha recepito, addirittura integralmente, l'emendamento scritto da AIGAE ha fatto altrettanto con quello,  e, interpellato sull'argomento avrebbe risposto "ho fatto quello che mi ha indicato AIGAE". Poi il Parlamento sovrano vota e uno lo approva ed uno no, come avviene con emendamenti che riguardano lo stesso argomento. Come dicevamo, di proposte noi ne abbiamo fatte numerose, alcune sono state accolte altre no, com' è ovvio che sia, le leggi le fa il parlamento. È chiaro che delle norme approvate che vanno nella direzione da noi auspicata diamo un giudizio positivo, così come fanno altre associazioni quando recepisce loro proposte. Detto ciò, nel merito non capiamo perché l'emendamento approvato non trovi il favore di AIGAE, oltre che dei parchi. Però questo lo potremo approfondire nel corso dell'incontro che, auspichiamo, faremo quanto prima.

La Giunta di Federparchi 

IUCN
Versione ItalianaEnglish VersionDeutsche ÜbersetzungVersion française
La newsletter di Federparchi

© 1995/2017 - Federparchi - Via Nazionale 230 - 00184 Roma - p.iva 02623250400