xxx









xxx

Giornata degli alberi: fondamentale mantenere il contatto con la natura

Sammuri: i parchi assorbono Co2 per 145 mln/tn l’anno, in montagna priorità ai prati-pascolo

20 Novembre 2020

“L’evidenza scientifica ha ampiamente dimostrato lo stretto rapporto fra la salute umana e l’ambiente che lo circonda. In occasione della Giornata degli Alberi vorrei ricordare il ruolo vitale che essi svolgono per l’equilibrio degli eco-sistemi; una funzione supportata in modo determinante dal sistema delle aree protette il cui compito e la tutela della bio-diversità e della sostenibilità.”  – lo afferma il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri in occasione della Giornata degli Alberi del 21 novembre.

“In Italia ci sono complessivamente  820mila ettari di boschi e foreste nel  sistema delle aree protette – prosegue Sammuri - un  patrimonio boschivo che svolge  funzioni  rilevanti, fra queste l’assorbimento di 145 milioni di tonnellate di CO2 eq./anno. E’ nei contesti urbani e peri-urbani che gli alberi rivestono il ruolo più determinante per assorbire il carbonio. Diversa è la situazione per le aree collinari e, soprattutto, per la montagna e l’alta montagna. In questi contesti, dove spesso il bosco avanza in modo spontaneo ricolonizzando zone aperte,  la funzione di maggior assorbimento viene svolta dai prati-pascolo, che sono anche importanti per la conservazione della biodiversità. Le capacità di stoccaggio di carbonio delle zone aperte nei contesti montani  è addirittura superiore a quella delle foreste: in base ad un recente studio portato avanti dal parco del Gran Paradiso i prati-pascolo, infatti,   assorbono 6,29 kg/mq di Co2 contro i 4,39 delle foreste di conifere. Inoltre nelle stesso contesto alcune specie legate alle zone aperte sono minacciate dalla loro riduzione, Pernice Alpina e lepre variabile per fare degli esempi.

E’ quindi importante concentrare gli sforzi per il rafforzamento dei parchi peri-urbani che, in tempi di mobilità ridotta a causa della pandemia,  costituiscono spesso, per tante persone che vivono nelle città, l’unico contatto con la natura. La valorizzazione e il potenziamento di tali aree, è sicuramente una  forte leva per la diffusione di una cultura ambientale che faccia capire il valore della sostenibilità e la necessità del giusto equilibrio fra uomo e natura.”

IUCN
Versione ItalianaEnglish VersionDeutsche ÜbersetzungVersion française
La newsletter di Federparchi

© 1995/2020 - Federparchi - Via Nazionale 230 - 00184 Roma - p.iva 02623250400